17 Luglio 2019
[]

Stop per la guerriera. Il grave infortunio di capitan Elisa Menchetti

11-05-2019 00:05 - Prima squadra
Non ci volevamo credere! La capitana, la condottiera, l'orgoglio arancione, sembrava invincibile. Invece più della sua grande forza di volontà, ha potuto quel ginocchio. Un crack. Lei lì per lì è vinta dalla disperazione. Sente che il problema possa essere serio, perchè ci è già passata. Questa stagione, iniziata con la speranza, anzi la certezza di primeggiare, già aveva iniettato il germe della sfortuna: un guaio ad una mano, l'intervento chirurgico, il progressivo ritorno in campo, a sudare per quella maglia, magica quando la indossa, che la rende 'cecchino' implacabile. La squadra aveva bisogno di lei, per provare anche in extremis a compiere il miracolo. Lei stringe i denti. Torna in campo per dare tutto. Alla fine fin troppo. Salta il crociato, anche se in modo subdolo, visto che il ginocchio resta stabile. Inizia a sperare, ma i sanitari sono cauti. Poi la sentenza! Occorre l'operazione: questo il drammatico responso della risonanza magnetica. Da fare, possibilmente, subito, per non perdere anche la prossima stagione. Il calcio femminile di Eccellenza è però pura passione. Le ragazze lavorano. E per Elisa il lavoro è fondamentale, almeno quanto sgambettare su un rettangolo verde. Non si potrà sottoporre all'intervento prima di settembre, il che significa l'addio anche al prossimo campionato. Forse al calcio giocato. Elisa è una guerriera, ma anche i guerrieri a volte devono arrendersi. Sembra intenzionata, l'indomabile Elisa, ad alzare bandiera bianca. In una parola: smettere! Chiudere con lo sport in cui pareva una predestinata. È ancora giovanissima (24 anni a luglio), forse non vedremo un così repentino epilogo, ma il calcio femminile rischia di perdere un vero e proprio talento. Almeno questo traspare dalla volontà della ragazza, bersagliata dai gravi infortuni, integra sul piano fisico, ma provatissima dal punto di vista psicologico. Salvo non ci ripensi o trovi chi la incoraggi a provarci ancora. La Società rispetta qualsiasi sua decisione, pur con grande dispiacere, se fosse quella di appendere le scarpette, ma rivolge alla sua grande capitana gli auguri di una pronta e completa guarigione, dato che avanti a tutto c'è ovviamente la salute della ragazza. Elisa Menchetti, sarà in ogni caso sempre la nostra capitana!

www.lartedellosport.it